Rendite passive

Rendite passive

Prima di parlare di rendite passive è bene introdurre un altro concetto legato all’argomento Libertà Finanziaria e cioè il debito cattivo.

Il debito cattivo viene contratto con una banca, una finanziaria o altro e serve per acquistare un bene che non porta una rendita aggiuntiva.

In molti pensano che contrarre un mutuo con la banca per comperare la prima casa come abitazione propria, sia un debito buono, dal momento che serve per acquistare qualcosa che prenderà valore con il tempo, che non ci farà sprecare soldi in affitto e che ci darà la sicurezza di non essere cacciato di casa in quanto proprietari.

Niente di più sbagliato!

È vero (probabilmente) che col tempo una casa prenderà valore, ma finchè non la si vende non si guadagna niente. È meglio stare in affitto e pagare una retta tutti i mesi, ma usare lo stesso debito per comperare qualcosa che porti un reddito aggiuntivo pari o magari superiore al prezzo pagato per il proprio affitto.

Inoltre è bene ricordare che, fino all’estinzione del mutuo, i veri proprietari della casa non siamo noi, ma la banca.

Mutuo prima casa

Le rendite passive, invece, sono tutte quelle entrate in denaro che non implicano un lavoro o almeno non un lavoro costante.

Fanno parte delle rendite passive:

  • affitti
  • diritti di autore
  • dividendi di azioni
  • brevetti
  • rendite automatiche online

In generale è una rendita passiva tutto ciò per cui, una volta creata la fonte di guadagno, non devi più lavorare per mantenerla. Le rendite passive sono molto importanti in quanto possono crescere esponenzialmente e non sono direttamente legate al tempo/lavoro.

Crescita Esponenziale

Ma quindi conviene estinguere eventuali debiti cattivi contratti in precedenza oppure investire per creare una rendita passiva?

Come ci insegna Robert T. Kiyosaki,  pagare le rate del debito cattivo con le entrate passive, significherebbe anche pagare gli interessi che questi debiti maturano e perdere del tempo per aspettare che il debito venga estinto.

Potendo invece saldare il debito cattivo, si azzererebbe il passivo e si potrebbe cominciare da subito ad accumulare un nuovo capitale con il risparmio delle rate non più da pagare. Questo gruzzoletto, nell’arco di un po’ di tempo, sarebbe già in grado di essere investito in modo da creare le prime rendite passive automatiche.

In caso di più debiti, è bene cominciare a pagare prima il debito più piccolo, risparmiare le sue rate ed accumularle per poter pagare quello un po’ più grande e così di seguito fino ad esaurimento dei debiti.

L’obiettivo finale è quello di raggiungere la Libertà Finanziaria con l’azzeramento del debito cattivo e la creazione di rendite passive.


2 responses to “Rendite passive

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...